Incontro con Padre Salvador Del Molino

Cari amici di Solidarietà,

Sabato scorso, 4 giugno 2022, abbiamo inaspettatamente e con grande piacere incontrato Padre Salvador del Molino, missionario della Consolata che ancora opera in Tanzania e che ha iniziato assieme a Edgardo Monari il cammino del nostro progetto idroelettrico a Maguta.

Padre Salvador con Gianfranco a Maguta presso il cantiere del progetto idroelettrico

Maguta (o “Maguta” come sostiene Salvador) è di fatto la località del nostro cantiere sul fiume Lukosi, a pochi chilometri dal villaggio di Madege, nella provincia di Kilolo, sulle Iringa Highlands, nella regione di Iringa, al centro della Tanzania.

E’ stato un incontro emozionante con un amico che non vedevamo da molto tempo, che ha sempre seguito il nostro lavoro anche quando lo ha dovuto fare da lontano, non ci ha mai fatto mancare il suo aiuto e la sua disponibilità ed esperienza anche nei momenti difficili incontrati durante i nostri soggiorni in Tanzania tra Dar es Salaam e le Iringa Highlands.

Ringrazio tutti gli amici che hanno partecipato all’incontro e in particolare gli amici di San Polo che hanno organizzato tutti.

Padre Salvador e Marco durante i lavori per la costruzione del fabbricato della centrale elettrica

Ora Salvador avendo ultimato l’impegno assegnato dalla congregazione in Tanzania, è rientrato a Roma presso la casa della Consolata, in attesa di conoscere la prossima destinazione, ma ci ha assicurato che tornerà presto in Tanzania nella speranza di poterci incontrare ancora tutti assieme per inaugurare l’accensione dall’impianto di Maguta.

Grazie Padre Salvador !

A presto

Stefano Manservisi

Il futuro di Solidarietà e Cooperazione Senza Frontiere

Cari amici, siamo ormai abbondantemente fuori dalle restrizioni dovute al contrasto della pandemia e possiamo quindi pensare finalmente di riprendere anche la nostra attività associativa.

Tuttavia non possiamo ignorare ciò che questi due anni hanno significato per tutti noi e per ciascuno di noi, così come non possiamo ignorare che se sul piano più strettamente “sanitario”, stiamo finalmente uscendo dall’emergenza, sul piano più esteso e sfumato che coinvolge gli aspetti più emotivi ed intimi, la guerra (così vicina a noi non solo geograficamente) sta opprimendo i nostri animi e fiaccando la nostra capacità di esprimere ciò che siamo: solidarietà, cooperazione, oltre le frontiere.

Nel momento in cui speravamo di poter riprendere con rinnovato impegno ed entusiasmo ad immaginare un futuro migliore, un futuro di sviluppo sociale cui i nostri progetti sono sempre stati orientati, la prospettiva si è repentinamente richiusa, spostando inevitabilmente (ma anche giustamente in una certa misura) la nostra attenzione e la nostra sensibilità su altri problemi e su altre contingenze, relegando sullo sfondo di queste preoccupazioni ciò per cui tutti noi ci siamo impegnati fini a ieri.

Questi due anni difficili non solo hanno decimato la nostra associazione privandola di molti amici e sostenitori, ma hanno totalmente cambiato i riferimenti che orientavano la nostra attività nel solco di quel cammino a piccoli passi indicato da Edgardo Monari assieme agli amici che fondarono Solidarietà e Cooperazione Senza Frontiere.

Ora però sento la necessità di fare una riflessione sul nostro percorso e su quel cammino, sulla direzione da prendere e anche sulla meta.

Dobbiamo contarci e decidere se e come proseguire.

A tutto ciò (e sarebbe già abbastanza) si aggiunge anche il cambio dell’ambito legislativo italiano per il “terzo settore” ovvero quello all’interno del quale si colloca SCSF.

Assieme agli amici consiglieri, stiamo lavorando (e uso il verbo “lavorare” proprio per cercare di comunicare l’impegno richiesto questo passaggio) per capire quali sono le prospettive realisticamente praticabili per inserire la nostra associazione nel nuovo quadro normativo, tutt’altro che chiaro e definito.

Non è facile orientarsi all’interno di normative complesse in parte nuove e quindi dagli sviluppi e dalle conseguenze ancora non del tutto chiare, ed in parte talmente datate da essere quasi impraticabili al giorno d’oggi.

Tuttavia l’obiettivo che ci siamo posti è quello di individuare e proporre alla prossima assemblea generale sei soci, le alternative percorribili che vi comunicheremo nelle prossime settimane assieme alla data dell’assemblea stessa, la quale sarà contemporaneamente ordinaria e straordinaria e dovrà prendere importanti decisioni sul futuro di Solidarietà e Cooperazione Senza Frontiere.

Assieme a questo impegnativo passaggio è rimasto comunque immutato l’impegno verso i nostri due progetti principali: il progetto idroelettrico integrato “Hi project Madege” ormai saldamente in mano alla Diocesi di Iringa per la definizione degli aspetti amministrativi e normativi per l’inserimento del progetto all’interno delle nuove regole che si è dato il Governo della Tanzania in materia di energia assieme alla possibilità di finanziare sul posto l’ultimo sforzo economico necessario per l’avviamento dell’impianto; ed il progetto Under the Mango Tree per l’accoglienza, l’educazione ed il re-inserimento sociale dei bambini albini a Tabora che ora deve provvedere alla realizzazione delle strutture per le ultime classi del ciclo di istruzione primaria per poter ricevere le abilitazioni definitive dal Ministero dell’Istruzione del Governo della Tanzania.

Dei dettagli relativi agli ultimi sviluppi di questi progetti che pur rallentati dalle difficoltà di comunicazione, spostamento e sostentamento ci sono stati, sarete aggiornati con una prossima comunicazione ad essi dedicata.

Ora mi permetto di fare a voi, amici, una accorata richiesta:

fateci sentire il vostro sostegno e la vostra presenza, perché più che le risorse, sono proprio questi gli stimoli più efficaci in questi momenti difficili, per ritrovare energie, entusiasmo, idee nuove per immaginare un futuro per la nostra associazione e per coloro che ad essa, a noi, continuano a rivolgere con speranza le loro richieste di aiuto.

Facendo tesoro delle parole di un amico: “continuate ad aiutarci ad aiutare …”

A presto

Stefano Manservisi

Buona Pasqua !

Bologna, Domenica delle Palme 2022

Cari amici di solidarietà,

in questa giornata nella quale si celebra, con l’ingresso di Gesù a Gerusalemme, l’inizio della sua “passione” che condurrà condurrà alla Croce e alla Resurrezione, non posso fare a meno di trovare un parallelo tra quella che immagino sia stata l’angoscia e il disorientamento degli Apostoli e dei discepoli in quel momento che a loro doveva apparire come il preludio alla fine, con i sentimenti che provo e sento condividere in questi giorni, quando quella Pace che abbiamo con troppa superficialità dato per acquisita se non per scontata, è concretamente in pericolo. Travolta da nuove e più vicine ed efferate violenze, mosse da spiriti e volontà di potere e dominio che nulla hanno a che vedere con quello spirito solidarietà e di cooperazione che ci sforziamo di condividere e quando sembra inevitabile rievocare ed innalzare nuove frontiere.

Pur con l’animo oppresso da queste angosce, da due anni di isolamento e distanziamento forzato durante i quali la nostra attività è rimasta pressoché sospesa (non solamente a causa della pandemia), anni durante i quali le distanze fisiche che mai ci hanno separato dai nostri amici sono diventate insuperabili, anni che ci hanno tenuto lontani da ciò che abbiamo realizzato con tanta fatica e tanto entusiasmo, anni che ci hanno separato dagli amici in Italia e in Tanzania, anni durante i quali molti (troppi) amici ci hanno lasciato; pur con l’animo oppresso da ciò che sta succedendo in Ucraina, proprio quando speravamo di poter ripartire e soprattutto per l’atrocità della guerra (non solo questa, ma purtroppo questa in particolare e per i motivi che ben conosciamo) , cerco con tutte le mie forze di mantenere la speranza.

E cosa più della Resurrezione può sostenere la speranza ?

Questo è il pensiero che voglio condividere con voi, amici che continuate a seguirci, anche se adesso siamo fermi, non dispero che potremo riprendere, voglio continuare a sperare che un mondo e un futuro migliore di quello che stiamo vedendo adesso sia possibile per i nostri figli e per i figli dei nostri amici in Italia e in Tanzania.

Auguro a tutti voi una Santa Pasqua di serenità e di speranza. Speranza di Pace, di Solidarietà e di Cooperazione … SENZA FRONTIERE.

Vi lascio anche il riferimento dove potete leggere il resoconto della spedizione in Ucraina della carovana “STOP THE WAR NOW”, più di sessanta veicoli carichi di generi si sostegno e conforto per che ha dovuto abbandonare ogni cosa, affetti e familiari per fuggire dall’orrore della guerra, più di 200 volontari provenienti da decine di associazioni che sono appena rientrati portando con loro altrettante persone (per lo più donne, bambini e anziani) che qui da noi cercano rifugio:

In fondo al diario di viaggio trovate anche tutti i riferimenti per fare, se volete, la vostra concreta azione di Pace.

Torneremo presto a incontrarci !

PACE !

PACE !

Nonostante manchino le parole non possiamo restare in silenzio.

Solidarietà con chi soffre

Cooperazione tra popoli e nazioni

Senza Frontiere !

Abbiamo queste parole nel nome della nostra associazione e sono parole di PACE.

Ci hanno sempre guidato e continuano a farlo anche quando le difficoltà sembrano avere il sopravvento. Sono un impegno.

CIASCUNO DI NOI HA LA POSSIBILITÀ DI AGIRE CONCRETAMENTE PER LA PACE

La cosa più concreta e che possiamo sempre e certamente fare è agire, pensare, parlare, a favore della PACE, ciascuno secondo le proprie possibilità e capacità, modi e canali non mancano.

Se tutti riusciremo a trovare la forza di Agire ed Operare Concretamente per la PACE sono sicuro che la potremo ritrovare anche quando sembra sfuggirci dalle mani.

Credo che non occorra fare nulla di eclatante o straordinario, occorre invece che ciascuno di noi AGISCA concretamente per la pace.

Ogni giorno, ogni momento, in qualsiasi situazione, verso qualsiasi persona.

Non è facile ma è possibile.

Al momento non abbiamo un canale o iniziative in grado di poter operare direttamente come siamo soliti fare come associazione, cercheremo di trovare la nostra Azione Concreta di PACE e ve la proporremo.

Al momento ciò che vi proponiamo di fare è agire per la PACE ciascuno secondo coscienza e opportunità, l’importante è farlo.

Se potete fare qualcosa per la PACE allora fatelo e fatelo ora !

Ciao Paolo

Un altro amico di Solidarietà ci lascia per unirsi agli altri che lo hanno preceduto.

Ciao Paolo ! Grazie dell’aiuto, del sostegno, del lavoro, della comprensione, della pazienza.

Grazie di cuore !

Conserverò caro il ricordo delle belle giornate trascorse assieme in serenità per molte delle quali spesso eri tu promotore assieme a Lina e a mia mamma, gite, visite o semplicemente occasioni per stare assieme alle famiglie, senza mai annoiarsi e mai banalmente.

Conserverò caro il tuo esempio di disponibilità, rettitudine ed amicizia nelle mille occasioni nelle quali ti sei speso e mai risparmiato per aiutare i tuoi amici di Solidarietà, Edgardo, Gianfranco e anche io mi ci metto nella scia dell’amicizia con i miei genitori; sempre attento a seguire le necessità e le vicende della nostra associazione che hai sempre seguito legato ad essa dallo stesso legame di amicizia e riconoscenza che ti legava a Edgardo e Gianfranco.

Grazie di tutto, mancherà il tuo contributo sempre attento e rivolto avanti, sono certo che continuerai a seguirci per il cammino che ci resta da fare.

Un abbraccio caro ed affettuoso a Lina che soffre ora il distacco e a Silvia e Andrea. La perdita di Paolo sarà difficile e pesante ma alleviata dal tesoro che i genitori ci lasciano comunque quando devono andare: amore, insegnamenti, esempi e ricordi che vi sosterranno e accompagneranno sempre.

Stefano e tutti gli amici di Solidarietà.

Il dono di una Amicizia

Gli amici non si possono scegliere.

Gli amici sono un dono.

Giulio è stato un dono grande, una presenza, una certezza durante tutta la mia vita fin da quando ne ho memoria, anzi da prima.

Don Giulio Matteuzzi, per me è sempre stato Giulio, amico di mio papà, assieme al quale trascorsero giorni felici (quasi mitici ai miei occhi di bambino) a Parigi ospiti dei padri canonici di Notre Dame discutendo del generale De Gaulle e di altre cose che io a malapena capivo.

Durante le vacanze estive in montagna nelle case dell’ONARMO io mangiavo solo se c’era Giulio a tenermi in braccio.

Don Giulio che amava i bambini nel senso più puro e struggente; Don Giulio che ci affascinava con i sui racconti dei Meninos de Rua e delle scuoline di Salvador de Bahia, quando tornava dai lunghi periodi di missione spesi in Brasile a combattere contro povertà, ignoranza, abbandono e anche violenza.

Tuttavia i suoi racconti non erano mai tristi o spaventosi, nonostante raccontassero di situazioni dure e certamente difficili erano sempre sereni, forse velati di quella “saudade” che aveva pervaso anche il suo spirito missionario.

Vicino alla Teologia bella Liberazione, mai fuori dal solco della Chiesa.

Don Giulio era seminatore di amicizie, sapeva attrarre a sé le persone e gli animi più disparati mettendoli in contatto e generando così sempre nuove ed inaspettate occasioni di amicizia, di scambio di dialogo e di confronto tra idee e punti di vista anche molto, molto lontani tra di loro.

Rientrato dalla ventennale missione in Brasile è diventato Parroco a Santa Maria in Strada, cogliendo ed alimentando lo spirito di questa millenaria abbazia cistercense del quale è presto diventato “attrattore” rendendola un luogo frequentato da Amici oltre che da parrocchiani, sotto la sua guida la sua è diventata presto (ma non senza impegno costante, fatica e a volte amarezza) una comunità allargata e accogliente (oggi si direbbe inclusiva) dove tutti (persone ed associazioni) sono degni di ascolto ed attenzione.

Il suo motto, nelle innumerevoli occasioni di incontro che non si stancava mai di creare, nei modi più disparati, sapendo sempre cogliere le attitudini delle parsone che attraeva, era “aiutateci ad aiutare” mettendo così in circolo, idee e disponibilità.

Amico fraterno di Gianfranco e di Anna Maria non ha mai mancato di dare loro sostegno soprattutto nei momenti più duri, come quelli della malattia e della morte di mia mamma, ha sempre saputo seguire le vite dei suoi amici non negando mai la sua amicizia, sempre, senza indugi, senza pretese, anche a costo di enormi sacrifici e rinunce personali e sono sicuro che sia stato così per tutti i suoi amici e spesso anche per chi amico suo non riusciva ad esserlo.

Uomo di fede, chiara, diritta, mai imposta, sempre messa in discussione soprattutto con chi non la condivideva, è stato amico di Edgardo Monari, sostenendone il progetto di Solidarità e Cooperazione Senza Frontiere, condividendo la sua esperienza missionaria, a volte anche in modo critico, ma sempre in amicizia.

Fu uno degli artefici del riavvicinamento tra Gianfranco ed Edgardo convincendoli a superare le divergenze mettendone anzi la dialettica al servizio dell’amicizia che li legava da quando giovani prestavano entrambi servizio presso la Colonia dell’Opera Pontificia Diocesana di Bologna a Dobbiaco.

Giulio, che seppe vedere e guidare me e Manuela quando forse nemmeno noi avevamo idea di quello che sarebbe stato il nostro cammino come famiglia.

Don Giulio cui dobbiamo il nostro primo “progetto” da neo laureati, quando chiese a me a a Manuela di progettare una “Maestà” da collocare all’incrocio della strada che portava all’ingresso della chiesa di Santa Maria in Strada dove da poco era diventato parroco.

Sapeva coinvolgere gli amici sempre avendo cura di non fare favori, ma sempre solo creando occasioni, opportunità che stava poi alla libertà di ciascuno saper cogliere.

Mancherà Don Giulio, mancherà Giulio; la sua amicizia, il suo esempio, il suo insegnamento resteranno nelle vite di tutti coloro che ha incontrato.

Certamente nella mia.

Ciao Giulio, mi mancano i tuoi giochi di prestigio, con i quali mi stupivi, traendo da quello stupore bambino una scintillante felicità.

Stefano Manservisi

Covid-19, Aggiornamenti dalla Tanzania

Cari amici, purtroppo dopo pochi giorni il nostro amico Pius ci ha mandato un nuovo aggiornamento e non sono buone notizie.

Come la settimana scorsa, di seguito trovate le sue parole e poi la traduzione e alla fine anche alcuni link alle ultime notizie che ho trovato a proposito della situazione in Tanzania.

” hello brothers and sisters I hope you saw my article I sent you two days ago … but was briefly i told you about how our government have been trying to fight against covid from the early infenction report were reporting every 24hrs but up today we don’t have any report about how many people got infenction from last report of 299 people and 37 cured. We dont have any news about four days and government is very strict to people who are sharing an information about infenction.
For me it seems like we just making battle on darkness place without torch … and every support which government have been supported with doners they have been directed to health workers and covid 19 equipments just to be stand by like a goal while for the time being an infenction to the society growing so fast … and no body speaking and there is strange death in cities famous people dying and government instruct people to do funeral with few people … and no body says the cause of it. Now we are in big worry who is going to win this battle … i told you about people suffering even to get prevention equipment like musk, gloves, and sanitizers for instance one musk can cost nearly 1euro this is too much for poor people…
I know we are at same problem please brothers and sisters lets try to save life if possible …
lets cry together tomorrow we will laugh …
Pius “

” Ciao fratelli e sorelle spero che abbiate letto l’articolo inviato due giorni fa … dove in breve ho detto di come il governo sta cercando di combattere contro il covid dalle comunicazioni delle prime infezioni fino ai report ogni 24 ore, ma ad oggi non abbiamo notizie di quante persone sono rimaste infette dall’ultima comunicazione di 299 persone e 37 guariti. Non abbiamo notizie da circa quattro giorni ed il governo restringe molto le informazioni sulla infezione.
Per me è come combattere una battaglia al buio senza torce … ogni aiuto che il governo ha ricevuto dai donatori è stato dato agli operatori sanitari e per gli equipaggiamenti per il covid-19 come in attesa che l’infezione cresca in fretta tra le persone … nessuno parla e ci sono strane morti nelle città, persone famose muoiono e il governo da istruzioni per fare il funerale con poca gente … e nessuno dice la causa. Ora siamo molto preoccupati su chi riuscirà a vincere questa battaglia … vi ho detto di come le persone faticano anche a trovare gli strumenti di protezione come maschere, guanti e disinfettanti, per esempio una maschera può costare quasi 1 euro, troppo per la povera gente …
So che siamo tutti nello stesso problema, per favore fratelli e sorelle provate a salvare delle vite se possibile …
piangiamo assieme oggi sorrideremo poi …
Pius “

In sostanza una garbata richiesta di aiuto che non possiamo lasciar cadere nel vuoto nonostante le nostre difficoltà.

Nei prossimi giorni vedremo se nonostante la nostra temporanea immobilità posiamo fare qualcosa di minimamente utile, direttamente o indirettamente.

Ogni aiuto o suggerimento è bene accetto.

Di seguito alcuni aggiornamenti sulla situazione in Tanzania raccolti da internet.

Il primo suggerito proprio dall’amico Pius via whatsapp:

L’articolo ripreso da un portale generalista riporta della morte del Ministro degli Affari Costituzionali della Tanzania Dr Augustine Mahiga, originario della regione di Iringa, senza dare dettagli sulle cause della morte, lasciando quindi ancora più aperta la strada a dubbi ed illazioni incontrollate.

Quelli che seguono sono invece riferimenti raccolta in internet.

Dal portale della BBC (sempre molto aggiornato ed attendibile sull’Africa) : “Night burials amid Tanzania’s coronavirus defiance” sulle sepolture notturne durante la lotta contro il virus in Tanzania.

Dal portale di notizie sulla Tanzania “Tanzanian Affairs” un report sulle prime fasi dell’epidemia nel paese e delle prime reazioni del governo locale.

Coronavirus in Tanzania

Cari amici di Solidarietà oggi voglio condividere con voi le parole di un nostro amico africano da Tabora: Mr. Pius Mgunda, civil engineer, che ha di fatto costruito la scuola materna del progetto Under the Mango Tree per l’accoglienza dei bambini albini abbandonati a Tabora in Tanzania.

Sue sono anche le decorazioni in stile Tingatinga della scuola materna progettata da Gruppozero per SCSF e condotta delle Suore della Provvidenza per l’infanzia abbandonata di Piacenza di Tabora, realizzata con la direzione dei lavori di Mr. Pius Mgunda

Under the Mango Tree project, scuola materna delle Suore della Provvidenza per i bambini albini abbandonati a Tabora

Con Pius siamo rimasti in contatto utilizzando i social network, per scambiarci pareri e sostegno in questo momento difficile.

Infatti le conseguenze economiche dell’epidemia di Covid-19 non si sono fatte attendere nemmeno in Africa e in Tanzania, dove forse sono addirittura cominciate prima di quelle sanitarie togliendo lavoro e possibilità di sussistenza a molte famiglie. Lo stesso Pus mi ha fatto sapere che anche lui al momento è senza lavoro a Tabora e sta progettando di spostarsi fuori dalla città per cercare di evitare il contagio ed avere forse qualche opportunità di lavoro in più.

Anche per questo, qualche giorno fa chiesi a Pius Mgunda di scrivere qualche riga per raccontare la situazione in Tanzania come viene vista dalle persone.

Questa mattina ho ricevuto la sua risposta.

Come potrete leggere non c’è molto da aggiungere, se non sperare che i numeri non crescano ai livelli europei e statunitensi e che in Africa ci sia in effetti una qualche resistenza maggiore alla diffusione del virus, perché le possibilità di arginare una epidemia che raggiunga i nostri numeri, in Africa avrebbe conseguenze catastrofiche i cui effetti si riverbereranno inevitabilmente in tutto il mondo.

Quelle che seguono sono le sue parole (che trovate sotto anche in italiano, tradotte da me), credo sarebbe utile se anche voi poteste condividere il vostro pensiero, le vostre esperienze o anche solo il vostro sostegno:

It had begun like jokes through social media about chines eats insects, snakes, scorpion etc.

People in africa especially from my country were sharing some videos in social media … and believed that was the cause of corona … and that is for chines …

When an infection spreaded in Europe people were busy on spreading wrong information about covid-19, some said this virus cant persist on africa temperature, which was wrong.

I’m lucky because i have plenty of friends around the world and some of them are doctors in Netherlands, France and Belgium and some of them are friends in Italy … all of them have been telling me to stay safe … by then when we got first patient and more now we have about 257 cases and ten death.

I’m just afraid if this will be the end bearing in mind an information of infection have been reported by minister of health every 24hrs

Some of people suggested to our government to make control of infection by making lockdown some of cities which got virus cases early … but government refused to do and now the infection is all around the country … and our health minister has instructed people to wash hand with soap regularly and avoid crowd but our president refused to close churches and mosques and said god has power to stop the virus so we need to keep praying and if we get infection we can even use to boil some local medicine and inhale its steam …

I dont know if we can survive so please brothers and sisters lets share the right expirience of these virus pandemic!

last but least … here in africa some of people cant afford even the cost of musk some of them have begun to use breast garment as musk …

Please lets stand crying today we will lough tommorow …

Pius.


Tutto è iniziato come uno scherzo sui social a proposito dei cinesi che mangiano insetti, serpenti, scorpioni, ecc…

La gente in Africa, specialmente nel mio paese, condivideva video sui social media … e credeva che fosse la causa del corona … e the fosse per i cinesi …

Quando l’infezione si è diffusa in Europa le persone erano impegnate a diffondere notizie sbagliate sul covid-19, alcuni dicevano che il virus non poteva resistere alle temperature africane, ma sbagliavano.

Io sono fortunato perché ho molti amici nel mondo alcuni dei quali sono medici in Olanda, Francia e Belgio … a alcuni in Italia … tutti mi dicono di stare al sicuro … da quando abbiamo avuto il primo caso ad ora abbiamo 257 casi e dieci morti

Temo che sia la fine anche in considerazione che il ministero comunica informazioni di infezioni ogni 24 ore.

Alcuni avevano suggerito al governo di controllare l’infezione bloccando le città appena si manifestarono i primi casi … ma il governo si rifiutò di farlo e adesso l’infezione è in tutto il paese … e il nostro ministero della salute ha dato istruzioni alle persone di lavarsi le mani con il sapone regolarmente ed evitare assembramenti ma il presidente ha rifiutato di chiudere chiese e moschee e ha detto che Dio ha il potere di fermare il virus e quindi che abbiamo bisogno di continuare a pregare e che se prendiamo l’infezione possiamo sempre far bollire qualche medicina locale ed inalarne i vapori.

Non so se potremo sopravvivere, perciò fratelli e sorelle, condividete le esperienze corrette su questa pandemia !

Infine ma non meno importante … qui in Africa le persone non possono permettersi nemmeno il costo delle mascherine, alcuni usano la biancheria intima come mascherine …

Resistiamo piangendo oggi per sorridere domani …

Pius.

Insieme si può

Cari amici di Solidarietà, in questo periodo difficile denso di interrogativi ed incognite, una cosa è certa ed evidente:

solo se ciascuno offre il suo contributo, secondo possibilità e disponibilità, tutti insieme ne usciremo al meglio.

Certo non indenni, purtroppo questo flagello si è già lasciato dietro una scia di vittime e di sofferenze e continuerà a farlo per un tempo non prevedibile, alla fine però ne usciremo ed allora dovremo fare tesoro di questa difficile e dolorosa esperienza.

Il professor Monari concludeva le sue “lettere agli amici di Solidarietà” con queste parole:

INSIEME SI PUO’ – PAMOJA IWEZEKANA – TOGETHER WE CAN !

Ora più che mai le sue parole sono di guida, conforto e sprone.

Ho pensato che in questa situazione Solidarietà e Cooperazione Senza Frontiere non potesse restare in silenzio.

Assieme ai consiglieri ed agli amici più vicini, pur continuando a seguire i nostri progetti in Tanzania a che se limitati dalle restrizioni attuali, abbiamo creduto opportuno dare un segno tangibile della nostra Solidarietà verso coloro che più si stanno impegnando, sacrificando la propria salute e purtroppo anche la vita, per alleviare le sofferenze di molti e combattere questa epidemia.

Abbiamo deciso di farlo in memoria del nostro fondatore, il compianto professor Edgardo Monari, amico e medico di molti di noi in Italia ed in Africa.

Solidarietà e Cooperazione Senza Frontiere ha contribuito con un primo contributo di 5.000 €uro al progetto “PIU’ FORTI INSIEME” della Fondazione Policlinico Sant’Orsola di Bologna che sostiene proprio il Policlinico, dove anche Edgardo Monari fu medico e docente.

In questo momento la nostra associazione non ha risorse, organizzazione e competenze per poter agire direttamente come certamente avrebbe fatto Monari, possiamo però invitare tutti i nostri soci ed amici a sostenere chi si sta impegnando in prima fila.

Vi esortiamo a sostenere assieme a noi il progetto “PIU’ FORTI INSIEME

Potete trovare tutte le informazioni necessarie seguendo questo collegamento: https://www.fondazionesantorsola.it/progetti/piu-forti-insieme/

Ciascuno di noi quindi si preoccupi della propria salute e di quella dei propri cari, rispettando le indicazioni dei medici e delle autorità sanitarie e pubbliche, aiutando coloro che sono in difficoltà secondo le proprie possibilità e sensibilità, secondo coscienza e prudenza.

Un pensiero ed una preghiera vadano in ricordo di tutti coloro che non ce l’hanno fatta, per chi sta soffrendo in questo momento e per coloro che purtroppo soccomberanno ancora.

Mi preme anche ricordare ed abbracciare idealmente nostri amici in Tanzania e per dirla con le parole di Padre Peter Wissa (segretario particolare di S.E.R. Mons. Tarcisius Ngalalekumtwa, Vescovo della Diocesi di Iringa):

“Speriamo che questa pioggia passi presto”

Siamo in contatto con i nostri amici in Tanzania, ci informiamo e sosteniamo a vicenda, cercheremo di non far loro mancare la nostra vicinanza.

Certamente ancora una volta, insieme ce la faremo.

Si monta il cuore dell’Hi project Madege

Si monta il cuore dell’Hi project Madege

In questo ultimo scorcio di anno Marco, Simone assieme agli operai stanno facendo veramente un lavoro stupendo ed impagabile. Di seguito il massaggio direttamente dalle parole di Marco (che ormai, giustamente a mio parere, si firma scherzosamente, S.Marco):

“Comincia a piovere, oggi giornata dedicata a P. Luciano che è salito da noi per verificare la situazione. Abbiamo parlato dei prossimi impegni e modalità per affrontarli. Abbiamo insistito sulla puntualità quando si riprenderà il lavoro con altri tecnici della Brulli che non disporranno di molto tempo. Noi nei prossimi giorni continuiamo il lavoro accanto alla turbina, non cosa da poco e crediamo di fare un buon lavoro. Domani il programma è di infilare il gruppo turbina e volano nel cassone tegoli. Ti manderò aggiornamento fotografico di questa bella macchina che sto imparando a conoscere.
A domani.
S. Marco”

Ed eccole le ultime immagini che Marco ed Elia ci hanno mandato proprio ieri (12 dicembre 2018) dal cantiere a valle delle cascate del Lukosi, con i commenti di Marco: 

Continuo ad essere ammirato dal lavoro che Marco, assistito dall’Ing. Simone Miranda ed aiutati dagli operai africani stanno facendo, al tutti loro ed anche ad Anna che continua infaticabile a mantenere operativa ed accogliente Casa Monari per i nostri volontari e tecnici italiani, vada il nostro più caloroso e fraterno ringraziamento. Da parte mia anche un poco di “invidia” per non poter essere assieme a loro in questo momento.

Grazie ragazzi, continuiamo a fare “piccoli passi” assieme !!!
BUON LAVORO !!!